Nizza, 14 luglio 2016

image

Era una serata di festa: un simbolo della Francia, la commemorazione nazionale della presa della Bastiglia.
Lungo il bellissimo lungomare di Nizza, cui vide i primi natali il Garibaldi, era il momento dei fuochi d’artificio.
C’era tanta gente: persone del posto, altri francesi, turisti, una quotidiana voglia di vivere.
Adulti, bambini, famiglie.
Poi… una strage. Più di 80 morti. E l’esultanza terrorista dell’ISIS. (Forse non è opera diretta dello stato islamico, ma i fomentatori della bandiera nera avranno ben gradito…)

COSA DIRE: si sono spesi commenti già su post precedenti. Oggi non si spendono molte parole. “Non servono”. Ma il buonismo non è più da aiuto: bisognerebbe fare chiarezza. Indagare di più. Nell’interesse della società civile.

Così nei social il filosofo Diego Fusaro: “Francia, 14 luglio 1789: Liberté, Égalité, Fraternité. Francia, 14 luglio 2016: terrore, massacro, barbarie. Chi crede ancora nella fiaba del progresso? Chi crede ancora nella lieta novella della Belle Époque post-1989? Chi ancora non ha capito che mai come oggi il binomio di violenza e nichilismo è divenuto il protagonista assoluto?”

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s